Uliassi e il suo Lab: terza stella Michelin

Uliassi
Il ristorante di Uliassi a Senigallia, nelle Marche, ha ottenuto la terza stella Michelin: questa la notizia fresca di stampa, uscita lo scorso venerdì 16 novembre.

Mauro Uliassi, titolare dell’omonimo ristorante aperto nel 1990, ha ricevuto il terzo ambìto riconoscimento dalla guida Michelin, vedendo coronati ancora una volta gli sforzi del proprio lavoro. Non per nulla, l’Uliassi è tra i primi 10 ristoranti d’Italia.

 

Qual è il segreto del suo lavoro?

Sicuramente la cura e ricercatezza del dettaglio nella sua cucina sono un requisito essenziale per giungere a certi livelli. Il suo lavoro affonda le proprie radici nella tradizione, ma non scorda un sapiente uso della tecnica più avanzata. Gran parte del lavoro di Uliassi e della sua brigata si concentra però nel suo Lab, un percorso sperimentale e creativo, in continua evoluzione negli anni.

 

Il Lab.: cos’è e come funziona

Il ristorante di Uliassi prende annualmente una pausa trimestrale, durante l’inverno, e in questi mesi elabora un nuovo menù. Il focus del lavoro si concentra sul confronto tra lo chef e il suo team, sul dialogo e sulle infinite prove. Inizialmente, la sensazione è quella di non riuscire a trovare nulla di nuovo e innovativo ma poi, scavando a fondo nelle idee, l’illuminazione arriva. Allora, da lì, s’inizia a cucinare, a provare e ad assaggiare. Il piatto deve essere testato a lungo, bilanciato in ogni sua parte e in ogni sapore. Di tutto ciò che viene pensato e sviluppato, solo una minima parte finisce davvero nel menù. Dietro al Lab. si nasconde davvero un grande studio, una tecnica precisa e mirata, per limare e perfezionare ogni singolo elemento. Ogni proposta viene assaggiata più e più volte. Persino i piatti familiari, cucinati spesso, sono controllati con cadenza settimanale, poiché sono quelli che rischiano di essere dati per scontati.

Uliassi

La presentazione annuale del Lab. attira moltissimi buongustai e amanti della gastronomia, che attendono con ansia di scoprire le novità dello chef. I suoi menù non deludono mai perché rispecchiano lo studio profondo e l’attenta ricerca dietro il suo laboratorio. Ed è questo che ha reso il ristorante Uliassi così meritevole della terza stella Michelin: un continuo mettersi in gioco, una voglia costante di sorprendere e stupire, mantenendo comunque sempre fede alle proprie radici.